Ieri festa a Cervo al Castello dei Clavesana per l’inaugurazione della mostra dei lavori degli studenti del Liceo Artistico Amoretti di Imperia ispirati alle opere dell’artista Giuseppe Schenone di origini dianesi ma ormai naturalizzato milanese. Il suo legame con il Ponente ligure non si è mai interrotto, soprattutto con Cervo che è stato scelto per un lungo tempo quale meta di vacanze per sé e per la sua famiglia, per i suoi figli che sono cresciuti tra i carruggi e le ciappe del Porteghetto.

Da alcuni anni il Comune di Cervo, meta di artisti, organizza mostre dedicate, appunto al gruppo di pittori che si sono innamorati del borgo compreso tra la campagna e il mare. A partire dal 2019 Cervo ha voluto rendere omaggio a Piero Martina. Francesco Casorati  Romano Campagnoli, Carmelina Piccolis, mentre l’ultimo sarà Giuseppe Schenone, con la mostra che si inaugurerà al Bastione l’otto agosto 2024, a cui gli studenti dell’Amoretti oggi hanno voluto rendere omaggio.

È importante sottolineare l’importanza del progetto didattico esistente tra il Comune di Cervo e il Liceo Artistico Amoretti per mettere in relazione l’arte, ossia gli artisti, e le scuola d’arte, che debbono e dovranno essere collegate tra loro sempre più in un processo osmotico.