Domenica 28 aprile e domenica 12 maggio sarà possibile visitare il Museo del Mare e della Marineria di Loano accompagnati da alcune guide d’eccezione.

Dalle 9.30 alle 18, infatti, alcuni giovani soci del Museo (Chiara Giribone di 10 anni, Francesca Sandonato di 11 anni, Ginevra Spampinato di 11 anni, Nina Rossi di 14 anni, Ambra Taramasso di 14 anni, Joela Kuhsta di 14 anni, Lara Donzella di 15 anni, Filippo Chirico di 16 anni, Federica Castiglione di 21 anni, Eleonora Cocchi di 23 anni) faranno da “ciceroni” ai visitatori raccontando le storie e le tradizioni della marineria locale e non solo in italiano, inglese e spagnolo.

La doppia giornata segna l’inizio del progetto  “Riprendiamoci il futuro” promosso dal Comune di Loano e finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri-Dipartimento per le Politiche Giovanili e il Servizio Civile Universale nell’ambito del bando “Giovani in biblioteca” realizzato in partenariato con YEPP Loano, YEPP Italia, Cosavuoichetilegga News, Associazione Dopodomani Onlus, Associazione Culturale Marinara Lodanum.

Il Museo del Mare custodisce ed espone oggetti e documentazione sulla marineria loanese e del ponente savonese. L’Associazione Lodanum ha raccolto numeroso materiale storico-culturale quali libri, documenti, fotografie, modellini ed equipaggiamento che testimoniano il passato marinaro del territorio, dalla seconda metà dell’800 alla prima metà del ‘900. Si tratta di una retrospettiva storico-documentaristica della Loano marinara e turistica attraverso immagini, disegni, documenti, oggettistica. La rassegna offre immagini di inizio novecento raffiguranti l’attività di pesca, l’attività cantieristica e l’esordio dell’attività balneare.