MARM è l’acronimo di Museo Archeologico Risorgimentale e Mineralogico che sono le tre sezioni del Museo Civico di Diano Marina, ospitate all’interno del Palazzo del Parco, ma sebbene le ultime due siano comprese nella struttura, la maggior parte dello spazio è appannaggio della Sezione Archeologica  che occupa tutto il secondo piano dell’edificio con ben dieci sale che custodiscono oltre 500 reperti in un percorso espositivo che ripercorre le varie fasi della presenza umana nel territorio del Golfo Dianese che dal Paleolitico arrivano fino alla tarda antichità. Il Museo di Diano Marina è stato istituito nel 1970 per raggruppare i tanti reperti archeologici trovati durante gli scavi per costruire nuovi complessi edilizi, ma è stato aperto al pubblico solo otto anni dopo, nel 1978. La struttura è anche interattiva con pannelli digitali, una sala che ricostruisce i rumori del bosco, copie degli oggetti esposti nelle teche a disposizione del pubblico per essere toccati e conserva al suo interno tracce e testimonianze dell’epoca romana che qui aveva uno dei due luoghi di sosta che viene citato insieme a Costa Baleane (Riva Ligure) nell’itinerario tra Albintimilium (Ventimiglia) e Albinganum (Albenga) nella ‘Tabula Peutingeriana’ vera carta geografica dell’epoca romana.

Le altre due sezioni del Museo, invece si trovano al pianterreno: quella Mineralogica è accessibile a tutti ed è ubicata all’ingresso del palazzo: espone una parte della collezione della famiglia De Cavero e donazioni di privati. I numerosi pezzi presenti arrivano da diverse regioni Italiane e anche dall’estero. C’è infine la sezione Risorgimentale del museo, sempre al pianterreno, che comprende cimeli appartenuti al dianese Andrea Rossi a cui è intitolata e al generale Nicolò Ardoino. All’interno si possono vedere diverse bandiere, fra cui quella del piroscafo “Piemonte” una delle due navi che portarono i Mille a Marsala nonché divise, medaglie, armi reperti vari e la “lanterna dell’Aspromonte” che lo stesso Giuseppe Garibaldi regalò alla figlia di Rossi, di cui era padrino.

Il museo che organizza ben 11 laboratori didattici per gli studenti, visite guidate e tante iniziative dedicate anche ai turisti per incentivare la conoscenza di questi luoghi, riveste una grande importanza per tutta la zona perché sebbene edifici e strutture presenti in città non vadano oltre il XIX secolo, le origini di Diano Marina sono molto antiche e riemergono in questa struttura dove si conserva la memoria della presenza dell’uomo fin dal XVII secolo a.C. come viene testimoniato da reperti trovati in loco. Gli orari di apertura del museo cambiano a seconda dei periodi dell’anno per cui prima di effettuare una visita si suggerisce di verificare se è aperto telefonando  allo 0183497621.

Corso Garibaldi 60, Diano Marina

Orari di apertura

Aperto ora
Chiuso
Aperto
Aperto
Aperto
Aperto
Aperto
Chiuso
Luglio 17, 2024 2:53 pm